Anche da noi, nel 2016, la situazione non è certo migliore, visto il grosso utilizzo degli psicofarmaci nella categoria degli “adulti”. Rolling Stones – Mother’s Little Helper, I divi dell’eccesso contro l’abuso di psicofarmaci, 4. Ma le cinque più grandi canzoni sulla droga, a nostro modestissimo avviso, uscirono quasi tutte tra il 1966 e il 1967, in un biennio in cui sembrava che, in Gran Bretagna come negli Stati Uniti, non ci fosse spazio per altro. A scriverla e cantarla è Finardi, eroinomane per un periodo negli anni ’70. Ciononostante, è innegabile quanto il testo di questo brano – come d’altra parte quello dei Heroin di Lou Reed – sia ambiguo e proprio sull’ambiguità di fondo abbia basato la sua forza e il suo successo. Molti dei ragazzi che incontriamo nelle scuole, molti adulti che incontriamo a studio fanno un uso non solo “ludico” ma “medico” delle sostanze: si fanno per dormire, per gestire l’ansia, per sfuggire ai problemi e alle loro pressioni interne e esterne, per vincere la timidezza, per sentirsi sicuri. Una pillola ti rende grande – recita in apertura – e una pillola ti rende piccolo. Amore & Sesso - Animali - Architettura & Urbanistica - Arte - Auto & Moto - Bambini & Famiglia - Bellezza - Cucina - Economia - Film - Filosofia - Fotografia - Fumetti - Giochi & Videogiochi - Giornalismo - Hardware, Software & App - Libri & Ebook - Musica - Moda - Politica, Società & Religione - Programmi TV - Salute, Benessere & Fitness - Scienze & Natura - Scuola - Sport - Storia - Umorismo - Viaggi, Chi siamo – Proponi una lista – Note legali, termini di utilizzo, fotografie – Informativa estesa sui cookie – Privacy policy – Cambia le tue preferenze di privacy, Benvenuto! Beatles – Lucy in the Sky with Diamonds, Altre 20 canzoni sulla droga, oltre alle 5 già segnalate, Neil Young – The Needle and the Damage Done, Velvet Underground – I’m Waiting for the Man. Mi servirebbero delle canzoni possibilmente inglesi o americane che parlano di ragazze che hanno problemi con l'alchool o droga... Grazie e 10 punti al migliore! Le sostanze stupefacenti comunemente dette droghe sono sostanze farmacologicamente attive, in cui è presente un agente chimico che produce effetti sul nostro organismo, alterando e modificando le nostre normali funzioni biologiche, psicologiche e mentali. Save my name, email, and website in this browser for the next time I comment. Se ci … La sottile linea bianca sembra alludere ad una delle droghe (Eroina) che si narra il gruppo abbia usato per parecchio tempo. 0 0. I’m Waiting for the Man era presente nel celebre The Velvet Underground & Nico del 1967 e parlava infatti di un ragazzo alla disperata ricerca del suo spacciatore. La canzone è sempre stata descritta come una metafora neppure troppo velata degli effetti dell’LSD, il cui acronimo si ritroverebbe anche nelle iniziali delle parole del titolo, ma a detta di John Lennon, che del brano era l’autore, l’ispirazione era invece da attribuire ad altre fonti. Tra la metà degli anni ’60 e i primi anni ’70 questo atteggiamento toccò probabilmente il suo apice: i vari tipi di droga erano ormai ampiamente disponibili sul mercato e, nel contempo, la pericolosità delle stesse non era pienamente percepita come un problema, visto che ancora non c’era stata quella moria di giovani divi dello spettacolo che avrebbe, all’improvviso, allarmato l’opinione pubblica. Elementi comuni nella tossicodipendenza sono l’astinenza, provocata dalla sospensione improvvisa della sostanza, e la tolleranza, in cui l’organismo richiede una … Frasi da canzoni rap italiane tristi. Sperimentare, anzi, nuovi allucinogeni era la moda del momento: si pensava potessero aprire le porte dell’inconscio, far avere percezioni più approfondite sul mondo, aiutare l’artista a sopportare il peso delle pressioni e dei fan. Erriquez inneggia spesso nelle sue canzoni la marjuana e l’alcol. Come abbiamo raccontato in occasione della sua dipartita, Lou Reed amava raccontare il lato sporco dell’esistenza, senza esprimere giudizi di valore ma semplicemente mostrando da un punto di vista oggettivo le situazioni che la gente comune preferiva non vedere, davanti alle quali distoglieva lo sguardo. «Ho rischiato la zattera malconcia, ma oggi sì». ... dove si taglia e si spaccia droga. I Rolling Stones li abbiamo messi anche nella cinquina iniziale, ma non possiamo non citare anche Sister Morphine. Non mi sento mai abbastanza: dal perfezionismo all’autostima profonda di Jovanotti! Segnala altre cinque grandi canzoni sulla droga nei commenti. Alta autostima: caratteristica da rockstar arrogante? Lista canzoni che parlano di Droga, Tossicodipendenza, Alcoolismo. Le sostanze allucinogene (acidi) LSD, mescalina, ketamina, psilocibina, peyotl, producono effetti molto diversi e molto soggettivi. Va in cerca di rifugio nel piccolo aiuto della mamma e l’aiuta nel suo cammino attraverso la sua impegnativa giornata. Diciamo subito che Fabrizio era ubriaco la notte che ha composto questa canzone: le frasi sembrano contorte ed oscure ma, una volta conosciuto l’antefattoche ha portato alla sua composizione, almeno una parte di e… Carbona Not Glue è una delle canzoni più amate e controverse dei Ramones. Secondo me, la trap è un po' la degenerazione del rap, sebbene gli argomenti siano quasi sempre gli stessi: droga, alcol, soldi, vita di strada. Che fanno rap Truce. Sfera Ebbasta ospite di Linus e Nicola Savino negli studi di Deejay Chiama Italia, per parlare di trap, sciroppo, droghe leggere e popolarità. 1 canzoni che parlano di Alcol. I termini “tossicodipendenza” o “tossicomania” rimandano ad una grave condizione patologica in cui l’individuo che ne è affetto percepisce l’urgente necessità di assumere una data sostanzaindipendentemente dal danno fisico, psicologico e sociale che questa gli provoca. A parlare è un tossico in astinenza al pranzo di Natale che spera di ricevere mance in regalo da spendere in droga. Questo pezzo parla di eroina in modo esplicito, visto che inizia con il verso: «Il primo buco l’ho fatto una sera a casa di un amico così per provare». “Era una dose tagliata male mi sconvolgeva l’umidità E le madri il sabato escono a fare serata e li lasciano a casa da soli», sottolinea Fuzzy, «Mamme che preferiscono sapere che il figlio si droga e tollerarlo piuttosto di non sapere che fa. Scritta nel 1964 da un giovanissimo Reed, la canzone descriveva il rapporto di un tossico con l’eroina dal punto di vista del tossico stesso, con un’onesta che non mancò di suscitare grandi polemiche perché ad alcuni sembrò quasi un elogio della tossicodipendenza. https://www.youtube.com/watch?v=YhpW8MAGnzs, “Se vuoi essere fuori, devi procurartela; Cocaina.”. I ragazzi oggi sono diversi, sento dire da ogni donna. Brown fu colpito dai versi liberi di Rosen e pensò di musicare il poemetto alla sua maniera. Brown conobbe un cameriere allo Stage Delicatessen di New York, si chiamava Manny Rosen che aveva scritto una manciata di strofe sull’eroina. In generale provocano “viaggi” (trip) psichedelici in cui la percezione di sé e dell’ambiente circostante viene alterata, amplificando le capacità sensoriali e modificando lo stato normale di coscienza. Sembra esprimere proprio lo stato d’animo del tossicodipendente e il suo senso di fallimento. “Bianco calore scalda il mio amore “Essere schiavi di una sostanza non fa di voi dei fighi, ma degli sfigati”. All’interno dell’album vari brani parlavano o alludevano alla droga, come I’m Waiting for the Man che raccontava di un bianco che si recava ad Harlem in cerca del suo spacciatore, ma la canzone che più di tutte impressionò per il suo testo fu Heroin. quando infilo un ago nella mia vena”. https://www.youtube.com/watch?v=aVrTORySXjU, “Non so proprio dove sto andando Fai log in per entrare nel tuo account. Anche ai Velvet Underground abbiamo già riservato uno spazio in apertura, ma vale la pena di citarli anche qui, alla fine del nostro articolo. Il pezzo venne scritto da Mick Jagger, Keith Richards e Marianne Faithfull, e fu infatti lei la prima a inciderlo nel 1969. Il pezzo è stato introdotto nella Grammy Hall of Fame ed è considerato unanimemente uno dei migliori del chitarra afroamericano. “Una foschia viola nel mio cervello Ve le segnaliamo qui di seguito, raccontandovi la loro storia. Ha una moglie e quattro figli. “Una pillola ti rende grande e una pillola ti rende piccolo, È un pezzo d’apertura anche La sottile linea bianca, brano degli Afterhours che avviava il loro acclamato album Ballate per piccole iene del 2005. Inoltre possono agire come ansiolitico, ipnotico o anticonvulsivante. D’altro canto, come ebbe dire anni dopo Brian Eno: «Soltanto cento persone acquistarono il primo disco dei Velvet Underground, ma ciascuno di quei cento oggi o è un critico musicale o è un musicista rock». Responsabile e fondatore del progetto "Lo Psicologo del Rock". Formatisi poco tempo prima a San Francisco e con un album all’attivo, Jefferson Airplane Takes Off, del 1966, la band riuscì nello spazio di pochi mesi a ridefinire se stessa e l’intero panorama del rock psichedelico dando alle stampe il disco Surrealistic Pillow, manifesto musicato dello stile di vita dei figli dei fiori. Rispetto all’hip hop, però, non ha la carica di rottura che aveva, e spesso ancora ha, quella musica. La trap è il genere musicale che in questo 2018 in Italia ha avuto più successo e diviso al tempo stesso pubblico e critica: si amano o si odiano.. Il genere ha raggiunto un livello altissimo di popolarità grazie ai suoi protagonisti che pubblicano sul web le loro creazioni raggiungendo milioni di visualizzazioni e di ascolti. Che però si riferisce alla marijuana. Al di là dei film – che questo fenomeno lo analizzarono soprattutto a posteriori –, fu nella musica che la nuova situazione fu raccontata con ampiezza e fedeltà, aggirando a volte i vincoli censori tramite metafore non particolarmente difficili da svelare ma spesso parlando anche esplicitamente delle varie dipendenze. I cambiamenti erano stati molti rispetto al loro esordio: dalla formazione erano usciti infatti sia il batterista Skip Spence che la cantante Signe Toly Anderson, subito sostituiti da Spencer Dryden e soprattutto Grace Slick, che portò in dote un paio di canzoni che aveva scritto per la sua precedente band. Di seguito troverete un breve elenco delle sostanze psicoattive più comuni: Molte sono state le vittime illustri di queste sostanze tra cui Jim Morrison, Janis Joplin, Jimi Hendrix, Amy Winehouse e molti altri ne hanno fatto uso: Rolling Stones, The Beatles, Velvet Underground, Oasis anche artisti italiani come Vasco Rossi e gli Afterhours. I Rolling Stones pare stessero descrivendo l’ossessione di un tossicodipendente dopo un overdose (chissà se era Keith Richard). E soprattutto chi e perché mi ha messo al mondo, dove vivo la mia morte con un anticipo tremendo?”. “Sono qui sdraiato nel mio letto d’ospedale Riportiamo stralcio di intervista all’artista da parte di Vanity Fair. Rimaniamo negli anni ’60 con Purple Haze, brano di Jimi Hendrix celebre per l’inventiva con cui lui stesso vi suonava la chitarra. Drogati, ma in modo socialmente accettabile. C’è stato un tempo in cui l’ispirazione artistica dipendeva in buona parte dalle droghe e non ci si preoccupava nemmeno tanto di nasconderlo. L’Italia nel 2011 non era pronta. È un accesso a noi stessi e, come il sesso, ai lati più profondi della nostra natura. Pusherman “parla con la bocca” dello spacciatore di cocaina. Lei non mente, lei non mente, lei non mente, cocaina». https://www.youtube.com/watch?v=fAmYtXq9VbM, “Non riuscivi a fare l’amore… Lilly siringa, polizia”. con le mani nella pasta Quella canzone uscì all’interno di Sticky Fingers, celebre disco che si apriva con un’altra canzone sulla droga, anch’essa famosissima: Brown Sugar. Gli Articolo 31 vinsero l’edizione del 1995 di Un disco per l’estate con il brano Ohi Maria! “E ho scoperto che era l’eroina  Noi abbiamo scelto di concentrarci, però, su uno dei primi pezzi che gli Stones dedicarono all’argomento e in cui, per una volta, non si concentravano su loro stessi ma provavano a tracciare un quadro, acido e per questo scandaloso, della società inglese del tempo. Perché mi fa sentire come se fossi un uomo Eugenio Finardi è un cantante che, soprattutto a fine anni ’70, si è occupato più volte di droga. coca cosa?”. Certo, quando si prende il mare, bisogna avere un’imbarcazione che sappia reggere». Elementi comuni nella tossicodipendenza sono l’astinenza, provocata dalla sospensione improvvisa della sostanza, e la tolleranza, in cui l’organismo richiede una dose sempre maggiore di quella data droga per raggiungere l’effetto tanto desiderato. con la carezza dell’eroina che mi cullava mi perdonerai virginia?”. Playlist, top 15. Si parla di canzoni, di cantanti; di chi sia valido o meno nel fare musica. Con Fazi Editore ha pubblicato, nel corso degli anni, due libri: You have entered an incorrect email address! Perché un ago nella mia vena fa centro nella mia testa, e allora sono meglio spento che morto. Il rapporto tra droga e musica si riflette anche nei testi e nel modo in cui questi testi sono stati composti dai musicisti, alcuni dei quali sono stati indubbiamente influenzati dalle copiose quantità di eroina e cocaina che hanno consumato, come talvolta rivelano le loro canzoni”. Psicotico, groupie, coca, “Era una dose tagliata male mi sconvolgeva l’umidità, “Che viaggio strano quando tornerò poi lo rifarò poi lo rifarò. Ovviamente non si considera un genio. (nota anche come Maria Maria), che divenne un vero e proprio cult per il gruppo. Si svolgono in modo strano, ma non so perché Il brano divenne tra l’altro un singolo solo tre anni più tardi, nel 1980, grazie anche alla sapiente produzione di Glyn Johns (collaboratore storico degli Who e degli Eagles, oltre che dei Led Zeppelin nella fase iniziale della loro carriera). ... i club dogo parlano spesso e volentieri di droga, come ad' esempio nelle canzoni ''droga rap'' e ''puro bogotà'' pure gel parla di droga… Il testo del rocker italiano è ironico, allusivo e pieno di doppi sensi. manco fossi Mina vedo 1000 bolle blu… La discografia sull’argomento, a ben guardare, è impressionante: si va da Jimi Hendrix ad Eminem, da Neil Young ai Red Hot Chili Peppers, dai Led Zeppelin ad Amy Winehouse. Questo farmaco mortale che va nelle vene… dice: posso fare ad un buon uomo abbandona la moglie.”. Se esposto all’aria, il THC si degrada in un cannabinoide, con effetti caratteristici sulla psiche. “Con la mia ballotta fumo porre in quantità  (Dall’hip hop alla trap: la metamorfosi del “rapping” nella storia, 2018). Un classico delle canzoni sulla droga. bianco calore sfondami il cuore C’erano dentro Vita spericolata, Una canzone per te ma anche appunto la title-track, che parlava di Coca-Cola intendendo in realtà la droga. Da un po’ le cose non sembrano più le stesse Per scrivere questo testo De André si ispirò alla poesia intitolata “Eroina” scritta dall’amico Riccardo Mannerini, morto suicida dopo una vita assai avventurosa, all’età di 52 anni. Cocaine è un brano musicale scritto, registrato e pubblicato da J.J. Cale nel 1976. Discussioni Magari. 883 – Cumuli (1993) Afterhours – La sottile linea bianca (2005) Alberto Beltrami – Non ti drogare (1980) Antonello Venditti – Lilli (1975) Articolo 31 – Ohi Maria (Rmx) (1994) Artù – Cantico dei drogati (2019) e mi ricordo che avevo un po’ paura c’è molta violenza in un ago nelle vene  Noi abbiamo scelto di concentrarci, però, su uno dei primi pezzi che gli Stones dedicarono all’argomento e in cui, per una volta, non si concentravano su loro stessi m… “Cerchi la ragazza con il sole nei suoi occhi,  Questo brano, ironica narrazione di una storia “d’amore” del rapper con la marijuana, è basata sul campione di Ahi Maria di Rino Gaetano. Scarica il mio corso gratuito sull'autostima, Visualizza tutti gli articoli di Romeo Lippi. Noi dello Psicologo del Rock sappiamo che la droga fa male; al contempo dobbiamo trattare questo tema come un ambito in cui l’essere umano adulto ha libertà di scelta; libera scelta che deve essere supportata da informazioni adeguate e colloqui con persone preparate sul tema e che non affrontino l’argomento  in maniera semplicista. Lucy nel cielo coi diamanti”. La droga e l'alcol in dei testi o canzoni a volte possono pure rappresentare una ribellione , un tabù che si cerca di superare più che altro a livello intellettuale, altre volte sono storie che cercano di attirare un target di pubblico, intendo non significa che se uno sente Achille Lauro si droga. Hanno una potenziale dipendenza, sia fisica che psicologica e sono ancora oggi utilizzati in anestesia generale e l’eutanasia. Leggi anche questo articolo: https://www.lopsicologodelrock.it/13-canzoni-sulla-schizofrenia-dai-pink-floyd-ai-baustelle/, “Che viaggio strano quando tornerò poi lo rifarò poi lo rifarò Eroina, sii la mia morte. Nel 1987 la scena discografica italiana vide l’emergere di Luca Carboni, giovane cantautore bolognese che riuscì a piazzare in alto in classifica il suo terzo album, intitolato semplicemente Luca Carboni, anche grazie ad alcuni azzeccati singoli. Ama il primo Nanni Moretti, il primo De Gregori, i primi R.E.M., i primi Belle and Sebastian, i primi Baustelle e il primo Nick Hornby. Bisogna citare, in questo senso, Legalizzatela, il cui titolo è piuttosto esplicito, ma anche e soprattutto Scimmia. Il brano divenne fin da subito uno dei più celebri del quartetto di Liverpool, citato in articoli, libri e perfino in altre canzoni (recentemente l’hanno fatto pure i Kasabian). A Khatmandu è un brano poco noto di Rino Gaetano, contenuto nel suo album d’esordio, Ingresso libero, del 1974. Lo dimostra, tra le tante canzoni, anche Higher than the Sun degli scozzesi Primal Scream, uscita nel 1991 all’interno dell’album Screamadelica. A proposito di tormentoni italiani degli anni ’90, non si può non citare – parlando di droghe, pesanti o leggere che siano – Ohi Maria degli Articolo 31. Un brano che, con quel tipico Tulsa sound che era il marchio di fabbrica di Cale, raccontava in maniera molto semplice perché si assumeva quella droga, senza intenti moralistici o paternalistici: «Se hai avuto cattive notizie e vuoi cacciar via la tristezza, cocaina. Una vicenda travolta dal dolore e dalle polemiche anche … Continue reading Alcol, droga e trap: se ne parla con i ragazzi Cinque cose belle è una guida alla bellezza: ogni giorno racconta, tramite cinquine, le cose belle che esistono nel mondo dell'arte, della narrativa, dei videogiochi, della tecnologia, dello sport, della cucina e dei viaggi. Per evitare polemiche, Clapton ha più volte ribadito che la canzone è critica nei confronti dell’uso di droga, sottolineando il verso in cui si dice «Se vuoi scendere, scendere a terra, cocaina» e aggiungendo, nelle esibizioni live, l’espressione. Bollicine, del 1983, è uno dei dischi più importanti di Vasco Rossi e sicuramente della storia del rock italiano. I più fanno risalire l’origine del nome alle trap house, gli alloggi in rovina delle metropoli dove gli spacciatori preparano e spacciano droga; e nella Trap il riferimento agli stupefacenti è costante e massiccio. Mother’s Little Helper uscì infatti nel 1966 all’interno della versione britannica di Aftermath, aprendosi col verso «What a drag it is getting old». Ti rendono pazzo, ti fanno nascondere”. Lou Reed parla della dipendenza da Eroina. Fortemente ispirato ad Alice nel paese delle meraviglie e ad Attraverso lo specchio di Lewis Carroll, il brano proponeva – in un crescendo memorabile – un parallelo tra la favola così famosa nella tradizione anglosassone e l’effetto degli allucinogeni, pur senza mai dichiararlo esplicitamente, permettendo così alla canzone di essere passata dalle radio e dalle televisioni.